Marevento Widsurfing a Tarifa!!!

....Fine settembre.... e come al solito non ci si sta ad accettare che il bel tempo e il caldo se ne vadano per lasciar il posto al freddo. Quindi di gran lena ci siamo organizzati con un bel volo tranquillo verso Malaga una bel surf trip a Tarifa. Siamo arrivati sabato 20 settembre alla spiaggia di Bolonia, con 25 nodi alle 6 di sera...... Spiaggia lunghissima e poca gente con i furgoni nei parcheggi, zero kite in acqua. A Bolonia c'è un ragazzo francese Fabrice che ha a disposizone un piccolo noleggio di tavole. Il giorno seguente dopo abbondante colazione, ripeto abbondante, siamo andati in spiaggia e ci ha accolto un levante a 45 nodi. La vela di riferimento in questi casi è la 3.5 e abbiamo optato per una 3.6 boxer della Naish. L'atmosfera è molto bella, gente sorridente e umiltà che serpeggia sulla spiaggia. Si notano in queste occasioni i veri amanti della disciplina che ci hanno regalato forward a due metri da riva....Qui quando entra il levante così di solito dura tre giorni e così è stato. Abbiamo quindi usato vele piccole....massimo la 4.7 e 90 litri. Si è visto uscire con la 75 litri anche un signoretto di sicuro di 70 anni.......e non è uno scherzo. Acqua cristallina e a fine giornata birrette al chiringuito La Cabaña che è proprio di fronte al mare. 
Dopo i primi tre giorni di levante forte abbiamo avuto altri tre giorni di vento leggero, il primo con uscite con 7.5 e 6.3 e 125 litri e anche onda che ci ha dato modo di poter anche provare a surfare delle belle onde atlantiche. Onde veramente disegnate sui due metri sia con mini malibù che con il sup e il bodybord. In questi giorni di onda siamo andati in un'altra spiaggia limitrofa più vicino a Tarifa: Val de vaqueros, che già dal nome fa intuire la presenza di vacche sulla spiaggia. Le vacche son tranquillisime e mangiano tra le sterpaglie. Qui la spiaggia è più attrezzata con la presenza del centro suf Tabou che ha ampia scelta di tavole da windsurf e da onda. Ci sono più kite in acqua, ma non risulta trafficata. I baretti fanno anche da mangiare ottime cose a tutte le ore e quindi si può stare in acqua quanto si vuole senza problemi. 

Dopo aver serfato un pò a cena si può andare a Tarifa centro che dista 10 km nel piccolo paese si viene accolti da file di negozie di attrezzatura per il nostro sport su ambo la parti, fino ad entrare nel centro storico dove si trovano negozi e bar di tutti i tipi. La sera la vita si anima con genti che vengono da tutta Europa per guardare le previsioni del tempo che trovate su ogni schermo di pc nei bar! A parte gli scherzi, l'atmosfera è rilassata e piacevole e le vie strette tra i vicoli si aprono su piazzette gremite di giovani nel fine settimana che imbracciano mojito con non chalance. Tornando alle cose importanti il vento nei giorni seguenti si è presentato complicato a causa di una perturbazione da ponente che non ha regalato condizioni stabili, ma che ha portato delle belle onde. Ragazzi che dire, le cose sarebbero mille e mille più, tra grigliate di carne a più non posso, grazie alla casa affittata da cui vedevamo il mare e il Marocco all'orizzonte, e Cruzcampo a non finire. Vi lasciamo qualche foto per farvi invidia in questi giorni di poco vento e pioggia, con l'augurio di organizzare nuovamente surf trip sociali in giro per l'Europa. A presto e buon vento a tutti!!! 

P.S Vogliamo ricordare che esiste l'usanza del topless e si sono visti anche episodi di nudismo in spiaggia, ma soprattutto si abbandona lingerie per strada....
 

 
 






 
 
 

Portonovo: spot della capannina-molo


Spot: Portonovo (Ancona)

Venti: Scirocco, Ostro.

Descrizione: spiaggia con ciotoli e roccia del conero, fondale medio-alto. Posto ideale per freestyler, mure dx con chop o onda sul mezzo metro. La zona è a ridosso della parete nord del monte Conero.

Discipline: freeride e freestyle

Periodo migliore: primavera, estate, autunno, inverno con mareggiate

Caratteristiche dello spot: forse il migliore spot delle marche per panorama e consistenza del vento. Se le previsioni danno scirocco, a Portonovo c'è vento. Le condizioni di scirocco vengono amplificate dall'effetto venturi del monte; generalmente l'intensità del vento è doppia rispetto alle previsioni.
Il vento lavora generalmente dalle 12:00 in poi e di rado si presenta anche la mattina presto. Eolo qui arriva fino a 30 nodi quindi consigliamo di usare vele da 4.5 alla 6.5 e tavole con basso litraggio(100-120).

Indicazioni stradali: Da Bologna prendere l'autostrada A14 Bologna/Taranto; uscire al casello Osimo-Ancona Sud e proseguire in direzione Camerano. Una volta arrivati a Camerano seguire le indicazioni, comunque ben distribuite, per il Poggio o Portonovo. Immettetevi sulla direttissima del conero, alla prima rotatoria girate a destra e scendete fino ad arrivare ad una rotatoria rotatoria su una piazzetta; qui prendete la prima svolta a destra, percorrete la strada fino in fondo e parcheggiate nel parcheggio a pagamento. E'difficile trovare un posto auto in alta stagione, quindi, prima di armare la vela, armatevi di molta pazienza. Consigliamo di arrivare di mattina presto o durante l'ora di pranzo dove alcuni bagnanti locali se ne vanno per pranzo.

Note: Autostrada Bologna-Ancona A14 a pagamento. Lunghezza percorso: 208.1 km. Tempo di percorrenza medio*: 2h 18' di pedaggio.

Noleggio materiali e scuole: in loco

camping:
LA TORRE - Posto bello ma decadente. Per famiglie ma vicino alla spiaggia, ottimo per non sprecere un soffio di vento.
Loc. Portonovo Tel. 071801257 aperto da Giugno a fine settembre
20.000 m2 – 180 piazzole – ombra fitta (soprattutto per tende)
terreno erboso e in terra battuta - bosco (picchetti a chiodo)
sul mare – bar, ristorante, pizzeria, giochi bambini, campetto polivalente
docce calde/fredde a pagamento (fredde aperte gratis)

ADRIATICO - Per anziani, meno comodo del primo
Loc. Portonovo Tel 07134371
15.000 m2 - 100 piazzole - ombra scarsa
terreno piano ed erboso sul mare (di fronte al laghetto – presenza di zanzare)
Campetto giochi – alimentari.
Servizi discreti.

Informazione turistiche:
La chiesetta di Portonovo
La chiesa benedettina eretta nel 1034 di Santa Maria di Portonovo, in stile romanico costruita dai benedettini dal 1034 è a due passi dal mare, davanti all'ingresso spiaggia dei surfisti ed immersa nel verde dell'attuale parco naturale. La struttura architettonica è suggestiva e singolarissima, fusione di croce greca, pianta basilicale e chiesa a cappelle parallele. Le mura esterne sono in pietra bianca del Conero, mentre il pavimento interno è costituito da pietra gialla e cotto. Nella parte bassa dell'edificio si trovano alcune monofore, mentre nella cupola, di taglio bizantino che si erge al centro del tempio, vi troviamo bifore.
La chiesa era un tempo adiacente ad un monastero, in cui dimoravano i benedettini, distrutto nel 1320 a causa di una frana scesa dal monte Conero.
Abbandonata dal culto dei monaci, la chiesetta non fu usata per molti secoli, fino al XIX secolo quando un restauro ad opera di Giuseppe Sacconi ultimato sotto il soprintendente Luigi Serra la rese di nuovo praticabile. Riaperta al culto nel 1934.
Il monastero, in condizioni di precaria stabilità, forse investito dalle rovinose frane che si staccavano dal ”Monte”, fu abbandonato intorno al 1320 e lasciato all'abbandono.
Oggi non ne rimane traccia. Il tempio che ha saputo resistere al tempo, recentemente restaurato dalla Soprintendenza delle Marche, è stata restituita al culto ed all’antico splendore delle sue pietre.
Di struttura basilicale romanico-longobarda a cinque navate, è sormontata da una cupola di ispirazione bizantina.
La luce che entra dalle alte bifore, taglia l’elegante pavimento in cotto e pietra gialla, che insieme a quella bianca del Conero si configura in un risultato di attraente ritmo cromatico.

Torre Clementina e Fortino Napoleonico
Ad atmosfere di minacce belliche, ben lontane da quelle spirituali della chiesa, si rifanno gli altri edifici storici di Portonovo, la Torre Clementina ed il Fortino Napoleonico. Luogo prescelto dal poeta anconetano Adolfo de Bosis (1863-1924), la Torre fu edificata nel 1716 per ordine del Papa Clemente XI Albani su modello costruttivo medievale forse anticipato dal genio leonardesco di cui se ne conosce un disegno originale. Dall’alto del suo terrazzo, protette dalle robuste capriate, le sentinelle scoprivano tutto il tratto di mare del golfo di Portonovo fino alle scogliere delle Due Sorelle.
Il Fortino Napoleonico, innalzato nel 1810 dal gen. Beauharnais secondo una precisa strategia politica e militare, erano affidate invece le funzioni di difendere il fianco meridionale della città di Ancona e di attuare il blocco militare in Adriatico dei traffici commerciali del nemico inglese. Costruito riciclando in parte le pietre dell’antico monastero benedettino di Santa Maria, si rifà all’opera del grande architetto militare Francesco di Giorgio Martini e forse, ai disegni e progetti di Leonardo. Ritornato allo Stato Pontificio dopo la caduta dell’Irnpero ed allo Stato Italiano dopo la battaglia di Castelfidardo del 1860, subì l’offesa del tempo e dei vandali, cadendo in rovina. Negli anni ’60 è stato completamente ed elegantemente restaurato nel rispetto delle linee architettoniche originali e riconsegnato al fascino del luogo

Attività notturne: Stabilimento la capannina, Attilio, ristorante la Torre offrono saltuariamente alcune serate durante i weekend

Immagini: chi più ne ha più ne metta:)

Prima uscita....

Muta lunga e venticello da nord. Finalmente una bella uscita dopo un mese di niente...Oggi fin dalle 11 vento dalla giusta direzione 7.5 e tanto fiatone nei primi bordi....Forza forza....Il vento si è steso e ha regalato una bella giornata di Windsurf...Mare e vento!!!
Un video per le giornate con poco vento e magari un sup con un pò di volume. Si può uscire sempre e divertirsi!!!!

Cena di ferragosto!

Postiamo delle foto della bella cena di ferragosto ai bordi della sede della nostra amata Associazione. Carne alla griglia e fuochi di artificio sul mare!!!

Nuove attrezzature per la stagione 2012

Sempre volti alla sperimentazione, i nostri soci hanno deciso di provare qualcosa di nuovo in fatto di attrezzature per la stagione 2012.

Ecco quindi la presentazionne delle nostre nuove armi da vento medio-leggero, che si sono subito dimostrate adattissime ai nostri spot.

A presto nuove foto delle vele in azione!

Tushingham T4 7.5

















La nostra opinione

Questa bella vela freeride senza camber è veramente facile da armare con un qualsiasi albero 460. Le misure segnate sulla vela vanno seguite alla lettera per avere un bel profilo sulla balumina che non renda la vela troppo nervosa; provata in acqua con fanatic hawk 123 con vento sui 18 nodi e cazzato il cunningham per renderla più magra si è avuta la sensazione di troppo nervosisismo sulla raffica. In compenso con vento più leggero si ha la possibilità di aumentarne la pancia lascando la base e utillizzando il secondo occhiello proprio sotto la seconda stecca dal basso. Ottima vela all-round per le nostre ampie condizioni di vento.

Tushingham XR-race 7.5 


















La nostra opinione

Vela Raceboard a 6 stecche e 3 camber; albero 490 (ma si arma con il 460 per garantire una miglior apertura in penna) e boma max. 215.

La vela a terra si presenta leggera e facile da armare; è dotata di carrucola integrata per il caricabasso e colpisce per la qualità dei dettagli (sebra che la tasca d'albero sia stata adattata al millimetro, eppure garantisce un rigging comodo), non ultimo l'ottima sacca che (finalmente!!!) si discosta dalla tendenza sempre più diffusa a risparmiare sul materiale costringendo il surfer a fare cento tentativi prima di trovare la maniera giusta di riporre la vela.

L'abbiamo armata con un albero Reptile Mamba 80% carbon ed è stata usata in combinazione con un Mistral One-Design in una grande varietà di condizioni (vento dai 5 ai 18 nodi, con mare sia piatto sia con chop ripido).
La vela garantisce un'ottima accelerazione anche in condizioni di vento leggero (a patto di regolare bene i rinvii di outhaul e downhaul, che si consigli a di utilizzare sempre con questo tipo di vele); bolina bene e garantisce una grande potenza nelle andature portanti ed in uscita dalla strambata.
I camber sono dotati di rulli, che contribuiscono a rendere la rotazione davvero morbida; inoltre vengono forniti di serie degli spaziatori, per regolare la distanza delle stecche dai camber e modificare di conseguenza il profilo; un elemento che contribuisce a favorire l'utilizzo di questa XR in un'enorme varietà di condizioni (sicuramente il suo maggior pregio).

Surfing Sup




Oggi una bella surfata in sup. In attesa che arrivi la perturbazione che tutti dicono porterà un pò di neve sulle nostre spiagge, Carlo e Oraz si sono destreggiati in delle belle pagaiate sulle onde della Spiaggiola. Era da tanto che da parte nostra si discuteva sul buon funzionamento di questo spot con onda sia da levante che da nord. Questa mattina verso le 10.30 un pò di vento da est ci ha portato un pò di umidità e mare in crescendo. Non eravamo sicuri sulla giornata, poichè sembrava che il mare rompesse disordinatamente e non in serie; e difatti si avvicinava un bel groppo da sud che preannunciava un pò di pioggia. In realtà verso le 12.30 il vento è calato e si sono viste le prime barre entrare. Tutto quindi è migliorato e i nostri due baldi giovani hanno deciso di uscire. Subito a centro baia si è notato che entravano serie da tre e queste sono state le migliori, a destra della baia infatti si formavano lo stesso, ma a causa forse del fondale irregolare in quella zona, il picco calava velocemente verso riva, facendo perdere potenza di spinta. Delle belle surfate in acqua fredda (Oraz anche senza guanti!) a cui le nostre foto non riescono a rendere merito, data la pessima qualità del cellulare con cui sono state fatte! Forza ragazzi che qui bisogna mettersi in forma, pecorini e lasagne non aiutano gli addominali....







Un vecchio video dello spot!


Numana wave.....


Carlo aerial

Domenica 9 Ottobre 2011 sarà ricordata come una delle bellissime giornate di windsurf a Numana. Non solo per il vento che è salito nell'arco della mattinata dai 20 ai 35-38 nodi dell'ora di pranzo, ma anche per il sole e per i colori del mare. Già dalla prima mattina presto, nei pressi dello stabilimento il Corallo, la bora è entrata bene sia come direzione, che come intensità; il mare si è subito adattato all'intensità del vento disegnando belle onde che con una certa regolarità entravano in set da 5 a sud del porto. Questa zona si presta bene per queste condizioni, il mare è piatto e ci prepara bene in fase di uscita senza chop prima della diga foranea. Questo il motivo principale che ha favorito questo spot rispetto a quello della Spiaggiola che è più esposto e ai frangenti. Le attrezzature più utilizzate sono state la 4.7 e i 100 litri che subito son risultate un pò abbondanti come misure. Il nostro Alessandro è uscito con una 4.7 e 85 litri; Carlo un 77 litri con una 4.5 e Antonio una 4.7 con 90 litri. Un paio di bordi per uscire e trimmare tutto al punto giusto e constatare che il cunningham è sicuramente da cazzare.......In spiaggia sono presenti anche i Kite, i posti auto pieni! Il vento è stato per ore costante sia per direzione che per intensità, andando come si diceva, aumentando, non creando mare incrociato e disordinato, regalando bei salti e catapulte in strambata. Ci sono mancati i mitici locals wave men: Oraz, Daniele e Ruggero, fuori zona per impegni lavorativi, presenti telefonicamente!!!!. Un bell'autunno e siamo all'inizio....

Postiamo un pò di foto. Ciao!